Annuario Artisti 2022

Un flusso potente e vivificante

È un flusso potente e vivificante di energia a sostenere, a dar forza e a tener viva, come un fil rouge sotterraneo da cui la stessa opera sembra avere origine e prendere vita, il lavoro pittorico di Cinzia Inglese. 

Salentina, già pittrice figurativa dalla solida formazione classica, la Inglese ha via via sviluppato un suo linguaggio fortemente originale e solitario, di grande forza espressiva, basato sulla forza vivificante del gesto, della materia e del colore. È infatti soprattutto la materia, nella ricchezza e stratificazione di elementi differenti, assieme alla potente energia del colore gettato sulla tela, a dar forza e vigore alle composizioni della pittrice. I materiali che l’artista riordina e rimescola, come un’alchimista secentesca miracolosamente sbalzata nel contemporaneo, vanno dalla sabbia al gesso alle pietre, passando, secondo una lezione che discende in linea retta dall’esperienza del Nouveau Réalisme, a materiali di recupero e oggetti quotidiani che, decontestualizzati dal loro ambito originario e inglobati nel flusso del colore come relitti di un antico naufragio, divengono parte integrante dell’opera. Simboli di un vivere quotidiano divenuti col tempo puro segno e memoria, essi paiono gli elementi fondanti della struttura simbolica dietro cui si cela il mondo reale. In quenità in un flusso coerente e magmatico di materia e pigmento, memore della lezione neodada e del tentativo di superare, come voleva Rauschenbeg, il gap tra arte e vita, Cinzia Inglese riesce a riportare la pittura in un ambito meticcio, dai toni a tratti pop, a tratti legato, com’è nella miglior tradizione della pittura aniconica, al lato spirituale e filosofico dell’esperienza umana.

a cura di Vittorio Sgarbi

 
IconArt Magazine

Il primordio, l’esplosione di polveri arborescenti, foglie stilizzate, la formazione di continenti-feti che mutano in un corpo unico. Si parte da qui nel processo artistico di Cinzia Inglese, originaria di Casarano. La terra dai colori gialli, il Salento, il mondo dei tarantolati, i luoghi in cui l’antropologia diventa studio sul campo e conservatrice di tradizioni millenarie.

IconArt Magazine

 
Stop the garbage
Stop the garbage

80x80

press to zoom
Alone in the garbage
Alone in the garbage

120x100

press to zoom
Stop the garbage
Stop the garbage

80x80

press to zoom

Si compendiano con toccante sensibilità, tematiche e fermenti della realtà e dell’interiorità. I motivi vengono espressi in una vigorosa rappresentazione concettuale attraverso l’utilizzo di materia sulla tela.
L’esperienza acquisita durante la sua carriera artistica, ha permesso all’Artista Cinzia Inglese di creare opere di notevole effetto, acquisendo crescente vitalità e ritmo. 

Dott.ssa Rosanna Chetta 
(Critico d’arte)

 
Divergent continents

È la forza espressiva del gesto e la qualità espressionistica del colore a dominare l’arte di Cinzia Inglese. Un’arte che è riflessione intimistica su passato e presente, suggestione panica, immagine evocativa di una memoria individuale e universale, rappresentazione onirica e lirica del reale.

Attraverso l’atto creativo e l’esplorazione di materiali diversi, l’artista compie un viaggio interiore che conduce a una nuova prospettiva del reale in cui è la riflessione sulla terra a occupare il ruolo centrale.  Custode di significati ancestrali e unione di uguaglianza e diversità, la terra diventa ricerca dell’essenza umana e l’artista il tramite che porta lo spettatore alla conoscenza dei luoghi dell’inesplorato.….

Dott.ssa IFF - Isabella Fortunato Fedriga

(Critico d’arte)